Videogiochi - La guerra dei seguiti

dom 30, giu 2013

E' una guerra. La guerra dei seguiti. La guerra dei cloni di se stessi. I contendenti sono tutti quei videogiochi, che subito dopo il titolo, presentano un numero. Ne siamo sommersi. Stà succedendo la stessa cosa che tra gli ani 80 e 90 è successa per i film dell'orrore. Nightmare 6, Venerdì 13 VIII, La casa 4...
Possibile che non ci siano nuove idee nel campo dei videogiochi e che si sia costretti a riciclare all'infinito gli stessi personaggi? Possibile che l'industria del videogioco abbia paura di proporre qualcosa di nuovo? E se invece il problema fossero i videogiocatori?

Se il problema fossimo noi videogiocatori?

Se Assassin Creed progetta di uscire con un bel IV dopo il nome (e contando che il II è stato diviso in tre parti), se Mass Effect è diventato trilogia, Se Dead Space è trilogia e forse continuerà, se DarkSiders continuerà... proprio su richiesta dei giocatori.... allora il potere è dei videogiocatori.



La guerra dei seguiti è una nostra volontà. Noi giochiamo, ci affezioniamo ai bei giochi e ai personaggi interessanti e, almeno personalmente, ci rattristiamo al pensiero che dopo i titoli di coda tutte le emozioni provate nelle N ore di gioco, finiranno.

E le case produttrici di videogiochi ci assecondano. Coccolano i fan dei loro giochi. Sfruttano i fan dei loro giochi. Ecco che quindi ci elargiscono seguiti, DLC, Enhanced edition, .

Se i videogiocatori non comprassero ne seguiti ne DLC. L'industria del videogioco si rinnoverebbe. Mi sono lamentato che in commercio ci sono solo Seguiti. Mi sono lamentato dei DLC. Controllo cosa ho acquistato negli ultimi anni e decido  che non è il caso di lamentarmi.

Per poter commentare devi accedere con le tue credenziali

Al momento non ci sono commenti. Accedi per essere il primo a commentare!